UA-30503982-1

E IO NON PAGO - L'ITALIA DEI FURBETTI

Poltu Quartu (Costa Smeralda). Il maresciallo Remo Signorelli (Maurizio Mattioli) e il brigadiere Riccardo Riva (Maurizio Casagrande) della Guardia di Finanza sono stati comandati, in avanscoperta, a preparare "bliz antievasione" nel bellissimo centro turistico sulla Costa nord orientale della Sardegna.

Qui Remo incontra un antico compagno di scuola, il disinvolto gestore di un locale alla moda Fulvio (Jerry Calà), che non incontrava da decenni e che sospettava avesse avuto una notte d'amore con l'allora sua fidanzata e ora moglie.

Remo, sotto le mentite spoglie di un imprenditore, e Riccardo si mettono al lavoro, a caccia di evasori, e pian piano scoprono un imponente giro di evasioni fiscali.

Il problema consiste nel trovare prove, in particolare contro uno pseudo commercialista, il disonesto Massimiliano Grilli (Enzo Salvi).

E IO NON PAGO - L'ITALIA DEI FURBETTI  è una fragilissima commediola di serie B (e che in quella categoria lotta pure per la salvezza) attuale negli argomenti ma carente nei contenuti, che tenta di mettersi in scia del mitico I TARTASSATI. Fallendo l'obiettivo, chiaramente.
Il soggetto di Calà ci riporta per l'ennesima volta nei "suoi" luoghi in Sardegna per una farsa che prende spunto dalle recenti incursioni delle fiamme gialle nelle località prestigiose del Belpaese.

Rimane, in tutto e per tutto, un film d'evasione. Perché aldilà del livello basso della comicità e di quello alto delle stupidate che dovrebbero azionare la risata facile, è anche un bel manuale che raccoglie i trucchi di chi si ostina a non pagare le tasse.

Qualche cenno autobiografico di Jerry Calà non basta ad elevare la pellicola dalla mediocrità.

Probabilmente il più in parte è l'antipatico Enzo Salvi che ha tutta la bieca 'trucidità' di personaggi che le cronache quotidiane ci hanno fatto conoscere.

Ridicolo Benito Urgu, nella ricerca-tormentone dei trichechi da spiaggia.

La florida Valeria Marini, nel ruolo di una patinata maga sarda, soccorsa dai sottotitoli, non aggiunge nulla.

Chi cerca grande cinema stia alla larga.

Nessun commento: