UA-30503982-1

SCAPPA - GET OUT

Chris (Daniel Kaluuya) e Rose (Allison Williams) sono una giovane ed assortita coppia: lui è nero come la notte (leggi afroamericano), lei è bianca come la luna (leggi caucasica).

E bianchi sono anche i genitori.

Quando arriva il giorno del fatidico incontro con i genitori di Rose, Chris è titubante ma Rose garantisce che per loro il fatto non comporta il minimo problema.

Ricchi, progressisti, liberal sono ben felici di conoscere il nuovo fidanzato della loro figliola nel week end...

Ma sotto l'apparenza di un'accoglienza dalla cortesia affettata, Chris avverte sempre più che qualcosa non torna.

All'inizio, Chris legge il comportamento eccessivamente accomodante della famiglia come nervoso tentativo di gestire la relazione interrazziale della figlia, ma con il passare del tempo, una serie di scoperte sempre più inquietanti lo portano a una verità che non avrebbe mai immaginato.

SCAPPA - GET OUT  è una riflessioni sulle discriminazioni razziali, al tramonto della pessima era Obama, quelle più insidiose che si celano dietro il perbenismo delle famiglie modello che votano democratico e lo fanno sapere.

Il film funziona anche e sopratutto come thriller, realizzato amalgamando bene pochi elementi e con un uso efficace di montaggio e un gruppo di validi attori, tra cui spicca la protagonista femminile.

L'atmosfera si carica di tensione sino a deflagrare in una parte finale grondante di emozioni (tralasciamo le improbabilità chirurgiche nda).

La pellicola, che comincia come una delle tante commedie rosa, ha il merito di aggiornare in chiave horror il sottofondo razzista che non è stato mai del tutto eradicato negli States (come nel resto del mondo).

La vicenda è narrata con acume, coinvolge lo spettatore senza ricorrere a spaventi facili o effettacci e non si prende troppo sul serio (l'amico del protagonista è lì proprio per stemperare).

Non male, dopotutto, questo SCAPPA - GET OUT.

LA SETTA DELLE TENEBRE

USA, giorni nostri. Nel bel mezzo di un'inchiesta su un gruppo di festaioli dark, la giornalista Sadie Blake (Lucy Liu) si rende conto che qualcosa supera il classico folklore.

Soprattutto avverte che c'è qualcosa di pericoloso nel bel Bishop, ma è solo quando si sveglia nell'obitorio della città che capisce il suo segreto: Bishop è un vampiro.

Sadie ha raggiunto i suoi sottoposti nel mondo sanguinolento dei non morti.

Desiderosa di vendetta, Sadie è determinata a fermare quel demone di Bishop e i suoi compari.

Cosi inizia a girare la città con arco e freccia e trova un'improbabile alleato nella sua crociata nel detective Rawlins (Michael Chiklis), un investigatore della polizia la cui figlia è stata trasformata anch'essa in una creatura notturna da Bishop.

Tuttavia per Sadie il problema principale, a quel punto, è la ricerca del sangue di cui nutrirsi.

Cosa non facile se non si vuole diventare cattivi e uccidere gli innocenti.

Sadie, indecisa tra il suicidio e la vendetta, tenta di fare il minor male possibile, anche se, quando le capita, il gusto del sangue le pare tutt'altro che spiacevole.

LA SETTE DELLE TENEBRE è, con le sue immagini laccate e televisive, un horror che non disturba, non inquieta e non fa paura. Insomma la solita storiella dei vampiri buoni contro quelli cattivi, debitrice (al limite del plagio) all'elegante e tenebroso UNDERWORLD.

L'affascinante Lucy Liu è bella, brava, agile e scattante, ma il suo impegno e qualche facile effetto truculento nulla può fare per rendere accettabile un film che proprio non riesce a generare un minimo d'interesse.

Grazie a una cultura di genere, sui vampiri sappiamo già tutto, le sequenze dunque si precedono e gli effetti di flashback non possono che risultare pleonastici, perché 'sta roba è già vista un milione di volte e la milionesima ed una non aggiunge nulla.

Privo del coraggio di spingere ancora più a fondo, LA SETTA DELLE TENEBRE resta sulla superficie, non riesce a coinvolgere lo spettatore fino in fondo in una storia che sembra inscenare l'ultimo dei giochini di un'altoborghesia annoiata.

Secondo me si può evitare tranquillamente.