BAMBOLA

Comacchio. La monumentale mamma (Anita Ekberg) muore lasciando ai figli, la procace Mina detta Bambola (Valeria Marini) e il gay Flavio (Stefano Dionisi), la capra Amalia e una stamberga sulle palafitte, trasformata in pizzeria con i quattrini del panzone Ugo: specialità margherite e anguille.

All'Acquapark la burrosa ragazza si lascia circuire dal fusto Settimio (Manuel Bandera), che uccide accidentalmente il geloso pigmalione e finisce dentro. La pettoruta bionda gli fa visita in galera e in parlatorio resta affascinata dal rude galeotto Furio (Jorge Perugorrìa):il macho la convince a un incontro intimo nella camera blindata accendendole dentro la fiamma del peccato, mentre nell'altra cella flirtano Flavio e Settimio.

Tragedia e sangue dietro l'angolo.

BAMBOLA è un insulso, insensato e volgarissimo fumetto erotico che nelle mani grezze del provocatorio regista catalano Bigas Luna da un risultato finale che sfocia nel grottesco involontario, con dialoghi e sequenze a dir poco imbarazzanti, su tutte quella dell'anguilla usata a mo' di dildo ittico.

Impossibile giudicare la statura artistica dell'imponente e seminuda Valeriona nazionale, burrosa come mai, che ce la mette tutta per essere sexy: quando non si strofina addosso le anguille, sta sempre sdraiata o carponi.



Non da meno la caratterizzazione del fidanzato di Bambola, diventato gay dopo esser stato sodomizzato in galera . Il film accumula assurdità e morbosità da quattro soldi fino allo sconcertante finale, guadagnandosi un posto d'onore nel cinema trash.

Forse salvabili solo gli affascinanti esterni. Però anche il corpo della Marini sarebbe da rivalutare.

Nessun commento: