UA-30503982-1

QUANTUM OF SOLACE

Siena. Sfuggito ad un agguato sulle strade toscane, l'agente segreto James Bond (Daniel Craig), spinto all'azione dal desiderio di vendetta, cerca di risalire alla gang che ha fatto fuori Vesper, la donna che amava.

Durante un interrogatorio a Mr. White, 007 e M (Judi Dench) scoprono che una potente organizzazione, di cui neanche conoscevano l'esistenza, sta tramando alle loro spalle.

La pista porta l'agente segreto a Haiti, dove per un fortuito scambio di persona, incoccia nella seducente Camille (Olga Kurylenko), mossa anch'essa dalla ricerca della vendetta, che gli presenta l'arrogante faccendiere Dominic Greene Mathieu Amalric), proprio l'uomo che si cela dietro l'organismo che vede coinvolti uomini senza scrupoli decisi a combinare un affare milionario con il fresco dittatore della Colombia, il corrotto generale Medrano.

Forse potrà darmi una mano il mio ex amico Renè Mathis (Giancarlo Giannini), che da tempo vive da eremita a Talamone.

Sarà dura rientrare a Londra sano e salvo, senza disobbedire al gran capo M.

QUANTUM OF SOLACE inizia laddove finiva CASINO ROYALE e si concentra (nuovamente) sugli esordi di James Bond come agente segreto.
Movimentato e fragoroso, con lampi di ironia, muscoli ed adrenalina ma senza tecnologia, il ventiduesimo kolossal della saga di 007, si colloca un attimo prima che l'agente indossi il suo smoking con disinvoltura, e realizzi i sorrisi ironici, gli sguardi languidi, le conquiste facili, la scioltezza di stile.

Seguendo le orme di Martin Campbell, che aveva regalato alla spia la licenza di uccidere, il regista Marc Forster prosegue l'analisi introspettiva del personaggio completando il suo profilo ed esemplificandone il carattere. Accecato dalla vendetta, Bond elimina tutte le piste possibili riducendole in "binari morti", ma lungo il percorso di formazione dovrà imparare a gestire l'irruenza e perfezionare l'assetto per ottenere la fiducia di M.

Il Bond di Daniel Craig deve subire un cambiamento per poter passare all'azione con l'impudenza che lo contraddistingue. Deve chiudere con il passato e cancellare il rancore.

Ambientando i soliti inseguimenti tra terra, mare e cielo, sullo sfondo di uno scenario politico contemporaneo, Quantum Of Solace si libera dai cliché bondiani, dalle battute di spirito e dai gadget per tentare una strada più realistica e modernizzare la figura del più celebre agente del cinema spionistico.

Grazie a uno sguardo originale e alle interpretazioni di Daniel Craig (che prende e restituisce botte da orbi, riportando solo qualche scalfittura) e Mathieu Amalric (che offre al villain una maschera megalomane e credibile anche se poco carismatico), Marc Forster riesce a portare a termine la missione con competenza liberando James Bond dal rimpianto.

Nessun commento: