UA-30503982-1

PROFUMO

Italia. Non deve sbattersi tanto la bella Lorenza (Florence Guérin), tra abiti eleganti e noia.

L'unico prezzo?  Assecondare le strane voglie del depravato marito Guido, che pretende dalla bellissima moglie prestazioni erotiche sempre più perverse ed impegnative, anatomicamente parlando.

Lei per un pò ci sta, poi si stufa del gioco e lo pianta.

Andata a vivere da sola incontra l'hippy americano Edward, efebico e poco smaliziato, con cui instaura un rapporto pulito.

Purtroppo il consorte l'ha ormai contagiata e il nuovo lui diventerà la vittima sacrificale delle sue perversioni erotiche.

PROFUMO rappresenta il (semi)disastroso esordio alla regia della meteora Giuliana Gamba, giovane discepola di Joe D'Amato, re italiano del porno.

Parzialmente ispirato al delitto Casati (un omicidio-suicidio dalle complesse dinamiche psicosessuali che sconvolse l'ambiente della antica nobiltà romana nel 1970 nda), la pellicola è un film erotico dai risvolti gialli recitato da cani.

In bilico tra l'erotico morboso e il thriller-noir, il film ha dalla sua una certa coerenza narrativa nonchè il coraggio di affrontare alcuni temi "caldi" (il travestitismo, l'inversione del ruolo uomo/donna);

Nelle intenzioni PROFUMO avrebbe voluto essere una risposta al femminile alle tante pellicole erotiche caratterizzate da uno sguardo maschilista e dalla donna-oggetto.

Ma l'unica cosa (e non è poco) rimasta veramente memorabile è la conturbante e perennemente svestita Florence Guérin, rimasta nel ricordo adolescenziale di molti per l'eccitante quanto naturale erotismo.

Un corpo che smuove e uno sguardo angelico che aumenta il turbamento etero e non solo.

L'attrice come sempre si mostra nuda con generosità, e la pellicola asseconda in tutte le maniere il voyeurismo dello spettatore valorizzando con gusto e intelligenza tutto l'erotismo che sprigiona.

Nuda o vestita che sia (da notare come rifulge in abito nero e tacchi nella scena della tristanzuola hall dell'albergo nda).

Pochi si accorgeranno che non sa recitare.

L'ingegnosa trappola finale probabilmente deve molto a OMICIDIO A LUCI ROSSE.

Nessun commento: