UA-30503982-1

AMICHE DA MORIRE

Italia, una piccola isola non meglio precisata. Gilda (Claudia Gerini), procace e verace 'boccadirosa', è arrivata dal "continente" per esercitare il mestiere più antico del mondo. Invisa alle donne quanto ricercatissima dai loro uomini.

Olivia (Cristiana Capotondi), ingenua e devota consorte, è sposata col ragazzo più bello del paese e patisce per questo l'invidia e le maldicenze delle comari sue compaesane. Ma il marito non la conta giusta.

Crocetta (Sabrina Impacciatore), goffa e maldestra, è invisa agli uomini e pare condannata all'eterno e infelice ruolo di iettatrice.

Coinvolte da Olivia nell'omicidio a sangue freddo del marito, ladro e fedifrago, le tre donne, diverse per carattere, (com)portamento e costumi provano ad essere solidali e a coprire l'accaduto. Anche perchè in gioco c'è un bel bottino, l'ingente refurtiva accumulata dall'uomo in numerose rapine.

La loro improvvisamente (e inspiegabilmente) amicizia per la pelle desta più di qualche perplessità nella piccola comunità e insospettisce il fascinoso e sospettoso commissario di polizia Malachìa (Vinicio Marchioni), nato sulla terraferma e insofferente ai marosi.

Unite al di là della dieta alimentare e degli ideali da perseguire, Gilda, Olivia e Crocetta troveranno insieme la via per il continente e il futuro.

AMICHE DA MORIRE, mix di indagine poliziesca, sitcom e commedia amicale, è un esperimento tanto originale quanto inedito nel panorama cinematografico italiano, che conta poche donne alla regia (qui addirittura esordiente) e pochi ruoli umoristici per le donne davanti alla macchina da presa.

Film tutto al femminile, dalla talentuosa regista Giorgia Farina alle protagoniste, la pellicola sfugge ai clichè della commedia all'italiana (soventi scadenti), regalando al pubblico un prodotto nuovo, divertente e arricchito da un tocco di cinismo e disincanto.

Piacevole ambientazione solare e colorata, Claudia Gerini in formissima sprizza sensualità. Insomma, la visione è piacevole. In tutti i sensi.

Peccato per il finale: sembra buttato lì. Comunque, nel complesso, godibile.



Nessun commento: