SERAFINO

Abruzzo. Il giulivo pastore idealista semianalfabeta Serafino (Adriano Celentano) porta a pascolare le pecore dell'avarissimo zio Agenore (Saro Urzì).

Intanto flirta distrattamente con la dolce cugina Lidia (Ottavia Piccolo) e si spupazza la disponibile quasi eremita Asmara (Francesca Romana Coluzzi).

Proprio uno strano tipo questo pastore dal "cuore d'oro", tanto che i parenti (serpenti) vorrebbero far passare per matto.

Disimpegnata, chiassosa e sguaiata commedia agreste del grande Pietro Germi, che si allea con il perenne portatore sano di filosofia naturista Adriano Celentano per una sparata (abbastanza banale e buonista) contro i guasti e lo stress del mondo moderno contrapposto alla sanità della vita di campagna, condita dal battersi dell'individuo contro le costrizioni e le ipocrisie sociali.

Un ingenua glorificazione di una realtà pastorale rozza e spontanea (ormai scomparsa nda), un  anarchismo da parrocchia, tra luoghi comuni e figurine stereotipate.

Piuttosto, la grettezza dei parenti di Serafino non fa altro che dimostrare che, città o campagna, la meschinità, l'invidia e le maldicenze sono dovunque. Infatti SERAFINO è anche  (forse soprattutto) un legittimo attacco (come in altri film di Germi) all'ipocrisia dell'istituto matrimoniale e della famiglia.


Forse manca quel pizzico di cattiveria in più che ci si sarebbe aspettati da un regista come Germi, e che avrebbe dato più forza a questa storia di parenti serpenti che si accaniscono sul povero Serafino.

Nel cast femminile, più che la Piccolo direi che brilla senza dubbio la Coluzzi, seppure imbruttita per il ruolo.

Nessun commento: