LA FAMIGLIA

Roma. L'ex professore Carlo (Vittorio Gassman) compie ottant'anni circondato da uno stuolo di nipotini e dai figli nella casa al quartiere Prati.

In quell'appartamento da media borghesia ha, dal 1906 al 1986, giocato, studiato e (Andrea Occhipinti) conosciuto la futura moglie Beatrice (Stefania Sandrelli). Forse mai amata come Adriana (prima Jo Champa poi Fanny Ardant), pianista e, ahilui, cognata.

Basta una vecchia foto per ripercorrere in un soffio la sua lunga vita.

Ecco il fratello scapestrato Giulio (prima Massimo poi Carlo Dapporto) che sposerà la fedele domestica Adelina (Ottavia Piccolo), lo zio in camicia nera Nicola (Renzo Palmer) e le tre zie zitelle, Margherita (Athina Cenci), Luisa (Alessandra Panelli) e Ornella (Monica Scattini). Che bel parentado.

LA FAMIGLIA è una commedia intelligente e pudica, di rara sensibilità e di struggente malinconia: i soavi valzer di Armando Trovajoli ci accompagnano nelle stanze che s'affacciano su quell'immutabile corridoio del grande appartamento mentre il regista Ettore Scola sbircia dalla finestra la Storia d'Italia di un secolo.

Il piano domestico e delle relazioni affettive si intreccia con gli echi dell'evoluzione storica e sociale che entrano in casa, sfiorando soltanto gli eventi spesso più drammatici o sconvolgenti che scuotono o elettrizzano la famiglia in ottant'anni di vita.

La Storia passa attutita fuori delle finestre, l'avvicendarsi delle generazioni e la forza delle abitudini, battesimi e nozze, pranzi e chiacchiere, amori e compromessi, morti e prudenti dolori, personaggi di mezza qualità, grandi sentimenti appena sfiorati e decoro sempre rispettato, l'imbarazzo di non saper esprimere le proprie ribellioni e lo struggimento vago del tempo che fugge.

Un Vittorio Gassman gigantesco guida un cast eccezionalmente affiatato in una bella prova di professionismo e maestria narrativa, di sintesi all'insegna dell'armonia, fondato su uno sguardo disincantato e saggio di chi, raggiunta la maturità, ha saputo migliorare e chiarificare il vino della giovinezza.

Nessun commento: