UOMO D'ACQUA DOLCE

Milano.Per un colpo in testa al supermercato (era andato a comprare i funghetti sott' olio alla moglie incinta), il timido professore Antonio (Antonio Albanese) è colpito da amnesia fulminante.

Dopo ben cinque anni di assenza si ripresenta a casa come se nulla fosse: ma la consorte Beatrice (Valeria Milillo), pianista, si è risposata con il sussiegoso tenore Goffredo (Antonio Petrocelli), che fa da papà alla piccola Tonina (Sara Anticoli).

Lei lo scaccia in malo modo, torna accompagnato da un agente e si accontenta di una misera stanzetta.
A poco a poco, grazie all'affetto della bambina e alla riconquistata fiducia della signora, sarà lui a far fuori l'intruso.

UOMO D'ACQUA DOLCE è una graziosa, simpatica e fragile favoletta sociale che segna l'esordio registico di Antonio Albanese, buffo e goffo, poetico e tenerisissimo, che però, su soggetto di Vincenzo Cerami, commette l'identico errore di tanti predecessori nati dai cabaret o provenienti dalla televisione: confondere il cinema con il teatrino dei pupi, trovandosi così nella condizione di provare a reggere un intero lungometraggio senza stancare né sembrare ripetitivi

Malgrado la trama deboluccia più di uno sketch va a segno, l'umorismo surreale, che introduce nella realtà una deformazione leggera, ha il merito di evitare le volgarità e i dialoghi, anch'essi alquanto surreali, sono ben scritti.

Il protagonista ha il raro dono della simpatia a prima vista e una prorompente gestualità, quindi non resta che godersi le sue capacità nell’inserire un personaggio al limite dell’irreale, in una storia apparentemente comune. Tutto ruota attorno ai movimenti di Antonio (sembra che anche la moglie sia attratta principalmente da quello), al suo buffo modo di parlare, alla sua incrollabile leggerezza.

E quando Albanese sente il bisogno di qualche minuto di teatro per dare il meglio di sé, si fa chiudere in un angolo dalla cinepresa e si sfoga un po’ (vedi stanza della figlia o ristorante).

Insomma un film per chi cerca qualcosa di underground, molto underground.

Nessun commento: